Regolamento operativo - Pontos A.S.D. Modena

Vai ai contenuti

Menu principale:

Regolamento operativo

Bakeca

Regolamento operativo associazione: “Pontos, il mare sulla via Emilia”

  • 1- Finalita’:


Il presente regolamento redatto in osservanza dei principi dello statuto sociale, individua e fissa gli obblighi ed i diritti dei Soci, nonche’ le norme di gestione di “Pontos, il mare sulla via Emilia Associazione sportiva dilettantistica” presso la sede di Campogalliano. Esso ha validita’ dalla data di approvazione da parte del consiglio direttivo, che potra’ aggiornalo, integrarlo e modificarlo secondo nuove esigenze. Tutti i soci ed eventuali accompagnatori, sono tenuti al rispetto del presente regolamento.


  • 2- Accesso all’associazione:


2.1- Soci - Tutti i soci hanno pari diritti di accesso al circolo e di godimento delle risorse, delle strutture e dei servizi dello stesso, secondo le norme qui di seguito specificate e deliberate, ed i provvedimenti deliberati ed approvati dal Consiglio Direttivo. - I soci e gli allievi soci della scuola di avviamento alla vela, sono tenuti ad uniformare in ogni occasione i loro comportamenti alle norme dello Statuto e del Regolamento Sociale ed a quello di carattere civile che rendono possibile e gradevole la coesistenza di persone diverse nell’ambito della stessa comunita’. - L’accesso ai corsi e consentito dai 12 anni in avanti, dai 6 ai 12 anni il corso verra’ erogato solamente se anche un genitore effettuera’ il corso assieme al figlio. - Ai medesimi regolamenti sono tenuti ad attenersi anche gli ospiti.

2.2- Soci Collaboratori
- Il consiglio direttivo ha facolta’ di deliberare e di seguito assegnare ad alcuni soci, incarichi e competenze specifiche per la gestione della base o di espletamento di determinati servizi ad essa inerenti. Tali soci presteranno la loro opera, a titolo gratuito e volontario; pur tuttavia la societa’ potra’ loro riconoscere un rimborso per le spese sostenute.


2.3- Visitatori - Vengono considerati Visitatori con conseguente permesso all’accesso del circolo, escluso la fruizione dei servizi, i soggetti di seguito elencati:

1. Coloro che desiderano conoscere il circolo e le sue attivita’, accompagnati da Soci o che ne abbiano fatto richiesta.
2. Chiunque desideri incontrare un socio del circolo.
3. Gli accompagnatori degli allievi frequentanti il corso
4. Parenti e/conoscenti di soci, accompagnati dal socio stesso.


2.4- Ospiti dei Soci - Gli ospiti dei soci accompagnati dallo stesso, sono equiparati allo stesso socio nell’osservanza dei presenti regolamenti e per la fruizione dei servizi dell’associazione.

Equipaggi di imbarcazioni dei soci Armatori. Nel caso di socio armatore, firmando la liberatoria predisposta, esso puo` utilizzando la propria barca, trasportare i propri accompagnati sotto la propria responsabilita`.
Gli oneri derivanti, sono a carico del socio ospitante, Il socio che accompagna un ospite nella sede sociale, se ne rende responsabile. La facolta di Socio ospitante, va usata con misura e discrezione. Il socio ospitante in qualita di accompagnatore e’ tenuto ad informare gli ospiti delle norme vigenti all’interno del circolo.
Non e’ possibile ospitare ex soci del circolo nei cui confronti il comitato direttivo abbia preso misure di espulsione.


2.5- Permesso per la navigazione, orari e manifestazioni estemporanee:

Gli orari di apertura base e fruizione dei servizi, sono deliberati dal consiglio direttivo e comunicati ai soci tramite canali informatici ed affissione in bacheca.
Orari al di fuori di quelli decisi dal comitato direttivo, devono sottostare a specifica regolamentazione redatta a parte e riguarda soltanto i soci armatori proprietari di propri mezzi di navigazione; i soci ordinari non possono fruire dei servizi in acqua della base se non in presenza di personale addetto alla sorveglianza e sicurezza da terra.
E’ fatto assoluto divieto per i non soci di utilizzare i servizi della base; ad esclusione dei giorni di: “open-day” predisposti alla divulgazione dello sport della vela e comunque sempre accompagnati da soci.


  • 3.- Beni e risorse del circolo e dell’area ospitante

I beni quali: sede, imbarcazioni ed attrezzature, costituiscono il patrimonio dell’associazione, e possono essere messi a disposizione ed utilizzati dai soci per il raggiungimento dei fini sociali e cooperativo. Il consiglio direttivo, ha l’onere di fissare sia le modalita’ che le quote a carico dei soci che intendano farne uso alla luce dei fini generali e degli obbiettivi del circolo.


3.1- Utilizzo dei beni dell’associazione:

Spazi interni alla recinzione ed aree circostanti:
l’associazione, condivide gli spazi con il circolo “Arci A. Goldoni” di Campogalliano, inserita all’interno della RISERVA NATURALE REGIONALE DELLA CASSA D’ESPANSIONE DEL FIUME SECCHIA; vanno pertanto rispettati i regolamenti sulla salvaguardia dell’ambiente circostante.


3.2- Sede principale e locale multiuso:

E' il locale destinato a riunioni, incontri, assemblee ed attivita` didattiche e culturali. E’ un locale condiviso con altre associazioni, conseguentemente deve essere cura dei soci tenerlo quanto piu` in ordine possibile.


3.3- Sede amministrativa e segreteria (qualora realizzata):

Locale adibito alle riunioni del consiglio direttivo, di comitati, Commissioni o gruppi di lavoro. L`accesso alla segreteria e riservato esclusivamente ai componenti del consiglio direttivo o persone da esse autorizzate, al fine di garantire la riservatezza dei dati in essa custoditi e la tutela della privacy dei soci.


3.4- Locale Magazzino:

Viene utilizzato per il rimessaggio delle attrezzature in uso alle imbarcazioni del Circolo. Gli attrezzi sono depositati nel locale magazzino. L`uso del locale e degli attrezzi in esso custoditi, possono essere messi a disposizione dei soci tutti, che ne dovranno fare un uso quanto piu` oculato e scrupoloso possibile. Nessuna responsabilita potra` essere addebitata al Consiglio Direttivo o al Circolo, per eventuali danni a cose o persone in conseguenza del loro uso.
Le attrezzature veliche dei soci, potranno essere rimessate (previa autorizzazione da parte del consiglio direttivo o del gestore del servizio magazzino) nel locale magazzino, compatibilmente con gli spazi disponibili, o nelle strutture esterne all`edificio centrale, con l`obbligo di contrassegnare il materiale depositato. Ogni Socio, condividendo ed accettando il seguente regolamento, di fatto esonerera` da ogni responsabilita` il Circolo a fronte di eventuali ammanchi e danneggiamenti ricevuti.


3.5- Locale spogliatoio e bagni (qualora realizzati):

E` a disposizione dei Soci tutti, per conservare i capi tecnici e l`abbigliamento. Va tenutoordinato e pulito il piu` possibile, nel rispetto di tutti coloro che ne possono usufruire. Il circonon e` in nessun modo responsabile per oggetti mancanti nel locale spogliatoio. TUTTI IFREQUENTATORI, SONO TENUTI AL RISPETTO, ALL`IGIENE ED AL DECORO di questi localicondivisi da tutti.



  • 4.- Imbarcazioni


4.1- Barche a Vela:

Il circolo destina le imbarcazioni di proprieta` per la scuola di avviamento alla vela ed adattivita` e manifestazioni promozionali ad essa collegate. Le imbarcazioni quando nonutilizzate per le finalita` suddette, possono essere temporaneamente utilizzate dai singoli socisolo dopo aver ricevuto il benestare dell`assistente di base.
La cura e la manutenzione delle stesse e` affidata ai soci utilizzatori sotto la supervisione dell`assistente di base.


4.2- Gommoni:

Al momento, sono autorizzati solo se ad esclusiva propulsione elettrica.

1-I gommoni a motore saranno riservati principalmente (come assistenza ai natanti inacqua)

-In supporto alla scuola vela
-In supporto alle regate organizzate dal circolo
-In supporto alla sicurezza giornaliera delle imbarcazioni in acqua

2-Le regate sociali organizzate occasionalmente e spontaneamente ad opera dei soci, ocomponenti del consiglio direttivo, possono essere supportate dall`appoggio di mezzidel circolo, previa richiesta anticipata al consiglio direttivo e qualora questi sianodisponibili e comunque non impegnati per altre finalita`del Circolo, previaautorizzazione dall`assistente di base, con affidamento a persone di riconosciutaesperienza ed abilita` in considerazione dei fattori ambientali presenti al momento.
3-
Il Circolo non si assume nessun dovere di assistenza ai soci armatori, durante la loroattivita` ricreativa in lago al di fuori delle date ed orari stabiliti, (individualmente conimbarcazioni di proprieta`), salvo tutto cio` che dovuto dal normale senso civico emorale della cultura marinara, ne si impegna a fornire mezzi di soccorso, sicurezza esalvataggio. L`attivita sportiva, ricreativa o di altro genere, viene svolta dai Soci sottola personale ed esclusiva responsabilita` degli stessi. Il circolo non sara’ responsabileper danni che dovessero derivare a cose o persone sia a terra che in acqua, inconseguenza dell`attivita` sportiva e/o ricreativa o di qualsiasi altro genere svolta daisoci armatori.


4.4- Carrelli ed Automezzi

L`uso di tali mezzi sociali, e` subordinato all`autorizzazione da parte dell`assistente di base. L`uso improprio dei mezzi sociali e/o la mancata osservanza di queste norme, sara` considerata grave mancanza disciplinare e passibile di espulsione dal circolo che viene decretata esclusivamente dal consiglio direttivo.



  • 5.- Servizi


5.1- Termini generali di utilizzazione dei servizi

I servizi seguenti, sono riservati ai soli soci in regola con i pagamenti delle quote sociali. E` competenza del consiglio direttivo all`inizio di ogni anno, determinare ed aggiornare l`elenco dei servizi soggetti a contributi associativi, fissando contemporaneamente le quote contributive associate ad ogni servizio erogato. Gli aspetti economici dovranno essere regolarizzati entro il 31 Dicembre, ossie entro i tre mesi dalla scadenza della tessera (31-08).


5.2- Posti barca

Ai soci armatori del circolo, sono riservati dei posti barca secondo i seguenti punti:
1-
I soci armatori che utilizzano i posti barca, sono tenuti al versamento del relativocontributo associativo, stabilito annualmente (01-09 31-08) in base al tipo diimbarcazione. Ogni socio e` responsabile dell`ordine e della pulizia del proprio postobarca e della propria imbarcazione.
2
-Il posto barca viene assegnato annualmente sulla base dei posti disponibili, conpriorita` temporale e compatibilmente con la funzionalita` dell`area. Onde evitaredisguidi, verra` stilato una lista in cui chi vorra` avere un posto per una propria barcadi proprieta potra` iscriversi, non appena si liberasse un posto, il primo della lista avra`diritto di inserimento. Per motivi di ordine, sicurezza, decoro e funzionalita` iresponsabili della base potranno decidere in qualsiasi momento e senza alcun preavvisodi cambiare di posto alle singole imbarcazioni.
3
-Ogni socio armatore che lascia la propria barca nella sede Pontos, lo fa sotto la propriaresponsabilita`: ne il presidente, ne nessuno dei componenti il consiglio direttivo ne` ilcircolo rispondono per oggetti mancanti,scomparsi o danneggiati, sia nelle infrastruttureper il rimessaggio delle attrezzature che nelle aree adiacenti la sede che a bordo deinatanti.
4
-Ogni imbarcazione deve essere saldamente messa in sicurezza dopo l`uso nel proprioposto barca, con mezzi idonei: (corpi morti, cunei ecc.) Ove in seguito a maltempo oper altre ragioni una barca procuri danni ad altre imbarcazioni o ad attrezzature, ilproprietario e` obbligato a rispondere in toto dei danni causati; in nessun caso potra`essere ritenuto responsabile il circolo, qualora invece fosse una barca del circolo acausare danni, causa maltempo, ad una barca di proprieta, l`associazione si fara caricodi rifondere i danni.
5
-Nonostante il circolo rimane operativo anche durante la stagione invernale, al terminedella stagione estiva, e comunque entro il 15 Novembre i proprietari possono decideredi mantenere l`imbarcazione all`interno della recinzione di pertinenza del circolo,oppure trasferire il natante in altro luogo; mantenendo comunque il diritto del postobarca se in regola con il pagamento della quota.
6
-La possibilita` di ricovero e` subordinata allo spazio disponibile ed al pagamento delcontributo relativo. Qualora la barca non venga utilizzata periodicamente, il socioarmatore, verra` invitato dal direttivo a lasciare libero il posto ad altri richiedenti.
7
-Potra` essere chiesto ai soci armatori nel corso di eventi promozionali, di rendersidisponibili a mettere a disposizione la propria imbarcazione: in questo caso, se ilproprietario funge da skipper, resta a suo carico ogni responsabilita`, qualora invece,l`imbarcazione venga affida ad altro socio, le responsabilita` per imperizia,avventatezza, distrazione ecc. Ricadranno sulla persona affidataria.
8
-Se l’imbarcazione del socio armatore, viene messa a disposizione anche del circolo,tutte le componenti necessarie alla navigazione, devono essere rese sempre disponibiliin base.

5.3- Utilizzo delle imbarcazioni del circolo o in uso al circolo

1-Il socio che utilizza l`imbarcazione non di sua proprieta, ne e` responsabile per la suaintegrita` e delle sue attrezzature. Qualsiasi danno grave, procurato a soci e/o non soci,dovra` essere risarcito dallo stesso

•Il servizio, e` soggetto a contributo liberale associativo su base giornaliera, le quotesono stabilite annualmente da parte del consiglio direttivo ed esposte in bacheca.
•La possibilita` di fruizione del servizio, e` subordinata alla disponibilita`
•Le uscite saranno regolamentate in funzione della richiesta giornaliera e gistete sullabase del buon senso (ogni singola uscita, non potra` comunque superare le due oreconsecutive).
•Tale servizio e` affidato durante gli orari di apertua della base ad uno o piu`assistenti dibase, nominati ed incaricati dal consiglio direttivo; tali persone devono essere presentiin base durante il servizio stesso, decideranno autonomamente; ed avranno facolta` didecisione sull`uscita o il richiamo di imbarcazioni ed equipaggi, in funzione dellecondizioni atmosferiche e contingenti. Particolare attenzione dovra` essere applicata allacessione di imbarcazioni a minori: costoro, debbono necessariamente aver effettuato ilcorso di avviamento, o poter dimostrare di essere in grado di gestire l`imbarcazioneaffidata. Gli assistendi di base potranno in qualsiasi momento revocare il permesso infunzione delle condizioni atmosferiche, o cattiva gestione dell`imbarcazione. Per i minorie` comunque obbligatoria la presenza di almeno un genitore durante tutta la presenzain base del minore. Gli assistenti di base saranno formati ed autorizzati a dare qualsiasiinformazione relativa a corsi, regole, modalita` di iscrizione ed a chi rivolgersi permaggiori informazioni, a chiunque ne faccia richiesta.
•Ogni danno anche di apparente piccola entita`, deve venire immediatamente segnalatoall`assistente di base; al fine di salvaguardare la sicurezza dei soci che utilizzeranno taleservizio successivamente.
•Le imbarcazioni utilizzate dai soci ordinari, devono essere armate, disarmate e ripostecon cura, dagli stessi utilizzatori, con rimessaggio delle attrezzature a fine utilizzo.


  • Allegato 1: Permesso alla navigazione:


1-Finalita`
Il seguente documento, viene redatto dopo discussione ed approvazione da parte del consiglio direttivo, al fine di regolare nella maniera piu` semplice e chiara possibile la fruizione dell`area sportiva e dei servizi concessici e permetterne l`utilizzo al maggior numero possibile di soci, al fine di poterne usufruire al massimo delle possibilita`.

2-Permesso alla navigazione:
Ogni anno il comune di Campogalliano ci rilascia per tacito assenso, qualora non ci siano modifiche da apportare al permesso, un permesso di utilizzo occasionale. Il permesso viene rilasciato al rappresentante legale dell`A.S.D. Pontos, attualmente nella persona del presidente Sig. Alessandro Marchetti che cosi come si evince da copia del permesso affisso in bacheca e/o custodito presso la segreteria ma fornibile a qualsiasi socio ne faccia richiesta:
-Si assume ogni responsabilita` nei confronti del comune di Campogalliano per danniche possono derivare dall`uso dell`area sportiva concessa, anche naturale,impegnandosi all`integrale risarcimento degli stessi.
-Il sottoscritto si dichiara a conoscenza che l`autorizzazione e` precaria epotra` essere revocata in qualsiasi momento, ad insindacabile giudizio delcomune di Campogalliano.
Il lago ci e` concesso in maniera non esclusiva, ci sono altre societa utilizzatrici, almeno 2, che hanno i nostri stessi diritti.

3-Durata ed orari
Il permesso concessoci, prevede che le attivita` siano svolte occasionalmente durante tutto l`arco dell`anno solare; nella fascia oraria che va dalle ore 09:00 del mattino fino alle ore 20:00 della sera (in pratica dall`alba al tramonto) ed anche in notturna con apposite disposizioni di segnalazione.

4-Base a terra
Al momento il permesso prevede che a terra vi possano essere un gazebo, ed uno spogliatoio per le signore.

5-Navigazione
Il permesso ci concede la navigazione a vela sul lago, con l`uso di attrezzature atte alla sicurezza di tutti, barche a vela con al seguito gommone appoggio a propulsione elettrica, pontile per lo svolgimento di attivita`sia di soggetti abili che diversamente abili. E` quindi esclusa la possibilita` di navigare senza aver messo in acqua anche il gommone appoggio con motore elettrico, e` obbligatorio indossare o quantomeno avere a bordo, idoneo giubbotto salvagente e che vi sia almeno una persona a terra che funga da supervisore delle attivita` in acqua e che possa eventualmente intervenire chiamando i soccorsi in caso di necessita`

6-Conclusione:
Per poter svolgere qualsiasi altra attivita` non regolamentata dal presente documento, (iniziative sociali, navigazioni in giorni ed orari non previsti, ecc.) i soci sono pregati di inoltrare domanda scritta al comitato direttivo, all`indirizzo mail: segreteriapontos.campogalliano@gmail.com, al fine di verificarne la fattibilita`.

--- copia pdf scaricabile ---


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu